Il Focal Point Nazionale IPCC può considerarsi come un punto di incontro tra l’IPCC, la comunità scientifica e l’opinione pubblica nazionale al fine di favorire il mutuo scambio di informazioni sulle attività in corso.

Cos'è l'IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change)

L' Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) è il principale organismo internazionale per la valutazione dei cambiamenti climatici.
L’IPCC è stato istituito nel 1988 dalla World Meteorological Organization (WMO) e dallo United Nations Environment Programme (UNEP) allo scopo di fornire al mondo una visione chiara e scientificamente fondata dello stato attuale delle conoscenze sui cambiamenti climatici e sui loro potenziali impatti ambientali e socio-economici. Nello stesso anno, l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha avallato l'azione di WMO e UNEP, istituendo l'IPCC.

L'IPCC esamina e valuta le più recenti informazioni scientifiche, tecniche e socio-economiche prodotte in tutto il mondo, e importanti per la comprensione dei cambiamenti climatici. Non fa ricerca né realizza il monitoraggio di dati e parametri correlati al clima.
Migliaia di ricercatori provenienti da tutto il mondo contribuiscono al lavoro dell'IPCC su base volontaria. Il processo di revisione è un elemento fondamentale delle procedure IPCC per assicurare una valutazione completa e obiettiva delle informazioni attualmente disponibili. L'IPCC aspira a riflettere una varietà di punti di vista e competenze diverse.

L'IPCC è un organo intergovernativo aperto a tutti i Paesi membri delle Nazioni Unite e della WMO. Attualmente, fanno parte dell'IPCC 195 Paesi. I governi partecipano al processo di revisione e alle sessioni plenarie, dove sono prese le principali decisioni sui programmi di lavoro dell'IPCC, e dove vengono accettati, approvati e adottati i Rapporti.

Ogni governo ha un Focal Point IPCC che coordina le attività relative all’IPCC nel proprio Paese. Partecipano al lavoro dell’IPCC anche le principali organizzazioni internazionali, intergovernative e non-governative.

Per maggiori informazioni, visita il sito web ufficiale dell'IPCC.

Struttura organizzativa

L’IPCC ha tre gruppi di lavoro (Working Group - WG) e una Task Force:

  • il Gruppo di lavoro I (WG I) sugli aspetti scientifici del sistema clima e dei cambiamenti climatici;
  • il Gruppo di lavoro II (WG II) per valutare la vulnerabilità dei sistemi naturali e socio-economici, gli impatti dei cambiamenti climatici e le opzioni di adattamento;
  • il Gruppo di lavoro III (WG III) per valutare le opzioni di mitigazione dei cambiamenti climatici (attraverso la limitazione, il contrasto e la riduzione delle emissioni dei gas a effetto serra in atmosfera);
  • la Task Force sugli Inventari Nazionali dei gas a effetto serra, responsabile del programma IPCC sugli Inventari Nazionali dei gas effetto serra.

Il comitato si riunisce una volta l’anno in sessione plenaria, dove adotta tutte le decisioni ufficiali riguardo l’approvazione dei rapporti, la definizione dei piani di lavoro dei WG e della Task Force, e le disposizioni sul mandato, le procedure ed il budget.

Il Presidente dell’IPCC, responsabile della pianificazione, coordinazione e monitoraggio del lavoro dell’IPCC, si avvale della collaborazione di un Bureau IPCC che si incontra due o tre volte l’anno, più un Bureau per la Task Force.

I tre WG e la Task Force ricevono a loro volta assistenza da apposite Unità di Supporto Tecnico (Technical Support Units - TSU) finanziate da un governo del Paese industrializzato co-presidente e ospitate in un Istituto di Ricerca in quel Paese.

Infine, un vasto numero di altri Enti ed Istituzioni contribuisce al lavoro dell’IPCC.

Attività e prodotti principali
L’attività principale dell’IPCC consiste nel produrre periodicamente Rapporti di Valutazione scientifica sullo stato delle conoscenze nel campo del clima e dei cambiamenti climatici (Assessment Reports).

L’IPCC redige anche Rapporti Speciali (Special Reports) e Articoli Tecnici (Technical Papers) su argomenti ritenuti di particolare interesse scientifico e necessità. In questo modo fornisce anche supporto scientifico alla Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (United Nations Framework Convention on Climate Change – UNFCCC).

ll Premio Nobel per la Pace 2007 è stato assegnato all’IPCC e ad Albert Arnold (Al) Gore Jr., “per l’impegno profuso nella costruzione e nella divulgazione di una maggiore conoscenza sui cambiamenti climatici antropogenici, e nel porre le basi per le misure che sono necessarie per contrastarli”.

Top

Attività del Focal Point IPCC per l'Italia

Il Focal Point Nazionale IPCC partecipa alle sessioni plenarie e agli incontri dell'IPCC, rappresenta l’IPCC nel proprio paese e svolge attività di comunicazione e divulgazione riguardo alle attività dell'IPCC.

Le principali attività del FOCAL POINT IPCC per l'Italia comprendono:

  • la raccolta di informazioni e la documentazione delle attività tecnico-scientifiche nazionali inerenti le tematiche trattate dall’IPCC: scienza del clima e cambiamenti climatici (osservazioni, modelli, studi di vulnerabilità, stima di impatti, misure di adattamento e mitigazione);
  • la divulgazione dell’attività e dei risultati dell’IPCC a tutti i livelli sul territorio nazionale tramite sito-web, riunioni, convegni e workshop dedicati;
  • l’individuazione e designazione degli esperti o i rappresentanti nazionali alle riunioni, workshop ed alle sessioni plenarie dell' IPCC e dei relativi gruppi di lavoro;
  • il riscontro all’IPCC sulle attività di rilievo realizzate sul territorio nazionale.

L'attività di Focal Point IPCC per l'Italia è svolta dal 2015 dal Dott. Antonio Navarra presso il Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC). [e-mail]

L’attività di Focal Point IPCC per l’Italia è stata svolta dal Dr. Sergio Castellari presso il Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC) a partire dal 1 Dicembre 2006 fino al 2015.

Top