13/07/2018

Intervista di Alessandra Mazzai

Ha contribuito in prima persona alla nascita del CMCC, e l’ha visto crescere. Conosciamo meglio la golosa lettrice Martina Marian, pietra miliare di CMCC@Ca’Foscari.

Cosa fai al CMCC?
Sono il manager della Divisione ECIP e da poco anche il manager della Divisione RAAS. Quest’anno mi sono anche occupata di gestire la nuova convenzione tra il CMCC e l’Università Ca’Foscari a Venezia dando vita al centro CMCC@Ca’Foscari, che ospita la nuova sede del CMCC a Venezia.

Quale strada ti ha portato al CMCC?
Diciamo che il CMCC è nato sulla mia strada. Nel 2003 ho iniziato a lavorare allo studio di fattibilità per la costituzione del Centro-Euro Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici, e nel 2005 ho seguito l’atto notarile che ha visto la nascita del CMCC. Io c’ero. Ricordo bene la prima volta che siamo andati a Lecce a vedere la sede dove sarebbero stati ospitati gli uffici del CMCC e ho mangiato il mio primo pasticciotto!

È il lavoro che sognavi da bambina?
Quando ero bambina il problema dei cambiamenti climatici non era ancora molto noto, però non sono sorpresa di aver scelto un lavoro che è di supporto al lavoro di qualcun altro e che cerca delle soluzioni per migliorare il mondo che viviamo. Mi è sempre piaciuto molto il lavoro di squadra e avere una mission…

Ci racconti qual è stato il momento più importante della tua vita professionale al CMCC?
Il momento più importate per la mia vita professionale al CMCC è stato la costituzione del CMCC dopo due anni di lavoro a Milano con Riccardo Tarquini. Sono anche orgogliosa che l’ufficio Fund Raising del CMCC sia stato uno spin-off dell’ufficio Fund Raising della FEEM, in cui ho lavorato fino a dicembre 2017. Ricordo la prima proposta coordinata a cui ho lavorato: nottate a lavorare al budget… e l’emozione provata quando abbiamo saputo che il progetto era stato finanziato!

Cosa c’è sulla tua postazione di lavoro?
Oltre al computer, ci sono carte, post-it, penne colorate e una bella pianta, regalo di compleanno delle colleghe.

Come vai al lavoro la mattina?
Dopo tanti anni di treno, autobus e vaporetto, ora ci vado con la mia auto ibrida… in attesa di prenderne una elettrica.

Che cosa fai nel tuo tempo libero?
Coltivo un orto, vado in bici per la campagna veneta, in montagna a camminare e al mare a prendere il sole. Mi piace leggere e mangiare cioccolato!

Cinema o letteratura: dacci un titolo e spiegaci perché lo hai scelto
Letteratura! E almeno tre titoli: “Oceano Mare”, di A. Baricco. Perché è un libro bellissimo e un incrocio di vite indimenticabili. “L’amore ai tempi del colera” di G. Marquez, perché l’amore sa attendere. “Espiazione” di I. McEwan perché ha un finale che non ti aspetti e tu rimani lì… senza parole.