Finanziato da
  • Programma di Cooperazione Territoriale Europea "Grecia-Italia 2014-2020"
Durata 24 mesi da 01/04/2018 a 31/03/2020

CoordinatoreTop
  • CMCC - Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici
Leader Scientifico CMCCTop Project Manager CMCCTop DivisioneTop Obiettivi generaliTop

L’obiettivo generale di OFIDIA2 è l’aumento della capacità operativa trans-frontaliera degli attori coinvolti per prevenire, individuare e combattere gli incendi boschivi nelle foreste dell’area interessata, sfruttando i risultati del progetto OFIDIA1. La collaborazione punta alla protezione della biodiversità nelle aree rurali sensibili in Puglia e in Epiro grazie alla realizzazione di un’infrastruttura operativa per i big data. Ciò permetterà la previsione e monitoraggio in tempo reale del rischio di incendi insieme alla protezione delle zone rurali tramite una sala di controllo degli incendi boschivi dedicata e strumentazioni specifiche.
Inoltre, il progetto è finalizzato alla formazione continua in tema di ambiente, tramite la sensibilizzazione sulla protezione delle foreste e della biodiversità specialmente per gli studenti delle scuole elementari e medie.

Ruolo CMCCTop

Il CMCC è il Coordinatore del progetto e sarà responsabile per la gestione delle procedure amministrative del progetto nei confronti dell’Autorità di Gestione. Il CMCC partecipa al progetto attraverso le divisioni Advanced Scientific Computing (ASC), Impacts on Agriculture, Forests and Natural Ecosystems (IAFES) e Ocean Predictions and Applications (OPA). Il contributo del CMCC riguarda essenzialmente l’apporto di competenze nell’ambito della gestione e analisi dei dati, dei modelli meteo ad alta risoluzione, e della definizione del rischio e del modello di propagazione degli incendi.

Risultati attesiTop

I risultati previsti dal progetto sono:

  • Ristrutturazione e allestimento dell’edificio che diventerà il Centro di Controllo degli incendi boschivi in Puglia e che fungerà da centro di controllo dedicato per la sezione della Protezione Civile nella regione, per gestire la pianificazione di attività e la gestione delle emergenze derivanti dagli incendi boschivi in Puglia;
  • Reti di sensori ampliata, composta da strumentazioni radio, stazioni meteorologiche dotate di sensori ambientali e videocamere a controllo remoto per supportare e migliorare le capacità di monitoraggio e pattugliamento in tempo reale nelle zone rurali e nei parchi naturali e regionali. Le nuove videocamere e i nuovi sensori consentiranno un monitoraggio efficace di 18 siti nell’area di interesse (10 in Puglia e 8 in Epiro) appartenenti alle zone protette NATURA 2000;
  • Due veicoli fuoristrada per migliorare l’accessibilità alle aree di pattugliamento e anche diversi droni per migliorare le capacità operative degli attori coinvolti allo scopo di proteggere efficacemente le zone isolate e ad alto rischio;
  • Piattaforme informatiche e di data management per consentire agli attori coinvolti di avere accesso a previsioni climatiche accurate relative alle aree d’interesse, e di gestire grandi volumi di dati allo scopo di ottenere supporto dettagliato per le decisioni operative in tema di lotta agli incendi. Le previsioni saranno basate sul modello WRF (Weather Research and Forecasting) di ultima generazione, con lo scopo di fornire previsioni ad alta risoluzione nelle foreste;
  • Sviluppo e valutazione di modelli di fire-behaviour di ultima generazione per il supporto alle operazioni anti-incendio in Puglia;
  • Formazione continua in materia di ambiente per sensibilizzare la popolazione della regione pugliese sulla protezione delle foreste, con particolare attenzione alle scuole elementari e medie.
AttivitàTop

Sulla base dell’obiettivo principale, le finalità specifiche del progetto sono:

  • notevole ampliamento dell’infrastruttura operativa nell’area trans-frontaliera per quanto riguarda i sensori per il monitoraggio ambientale, la strumentazione video ed i veicoli fuoristrada per il pattugliamento in tempo reale delle foreste, i sistemi ottimizzati per la visualizzazione dei parametri climatici e del rischio di incendi, la piattaforma ICT per l’analisi e la gestione dei dati, ed infine la ristrutturazione di un edificio che diventerà il Centro di Controllo degli incendi boschivi a Modugno (BA) della Protezione Civile pugliese;
  • ottimizzazione e incremento delle competenze transfrontaliere in tema di previsione, prevenzione e lotta agli incendi boschivi nelle foreste attraverso strumenti che consentono di prevedere con precisione il clima, definire il modello di comportamento degli incendi, visualizzare i dati dei sensori in tempo reale su mappe geografiche e gestire fattori complessi legati al rischio di incendi;
  • sensibilizzazione del pubblico, formazione transfrontaliera e continua sulla biodiversità nelle aree d’intervento, inclusa la condivisione di best practices tra un numero maggiore di attori coinvolti.

Partner:
Partner beneficiari

  • Fondazione CMCC – Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (Coord)
  • DAEWM – Decentralized Administration of Epirus-Western Macedonia, Forest Directorate
  • Università di Ioannina
  • Regione Puglia – Sezione Protezione Civile

Partner associati

  • Comune di Lecce
  • ARIF – Agenzia Regionale per le attività Irrigue e Forestali