Effetti a cascata di capital stranding: l’impatto della decarbonizzazione sull’uso dei diversi asset produttivi

Effetti a cascata di capital stranding: l’impatto della decarbonizzazione sull’uso dei diversi asset produttivi

Posted on

Lo scorso 9 maggio 2019, Emanuele Campiglio, Assistant Professor presso la Vienna University of Economics and Business (WU), ha tenuto il webinar RFF-CMCC EIEE dal titolo Capital stranding cascades: The impact of decarbonisation on productive asset utilization”, presentando un nuovo quadro metodologico per valutare l’esposizione dei sistemi economici al rischio di stranding.

Guarda il video:

Come illustrato nel corso del seminario, l’attività che maggiormente rischia di rivelarsi stranded asset, e quindi di svalutarsi prima del tempo, è l’attività mineraria. Altri settori a rischio per effetto della messa in pratica di politiche di decarbonizzazione e d’investimenti a supporto di un’economia a basse emissioni di carbonio, sono: il settore elettrico e quello del gas, del coke e dei prodotti petroliferi raffinati, il settore metallurgico e quello dei trasporti. Da questi settori, a cascata, il rischio di stranding si estende ad altri settori, come i settori dei prodotti chimici e metallici, dei veicoli a motore e dei servizi di gestione e smaltimento dei rifiuti, per arrivare al commercio all’ingrosso e al dettaglio, e alla pubblica amministrazione.

Scarica la presentazione (pdf) di Emanuele Campiglio, Vienna University of Economics and Business (WU).

Per maggiori informazioni, vai alla pagina dell’evento.

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart