14/03/2018
CC Nicola since 1972 @Flickr.com

Dal 2011 il CMCC coordina l’ETC/CCA (European  Topic Centre on Climate Change impacts, vulnerability and Adaptation), finanziato dall’Agenzia Europea dell’Ambiente (AEA).
 Il centro fornisce supporto all’AEA per lo sviluppo e l’implementazione di politiche nell’ambito degli impatti dei cambiamenti climatici, vulnerabilità e adattamento, con particolare riferimento alla strategia dell’UE di adattamento ai cambiamenti climatici.
Ben cinque divisioni scientifiche della Fondazione CMCC (RAAS – in qualità di coordinatore – ECIP, IAFES, CSP e REMHI) contribuiscono ai lavori di questo centro tematico.

Nel corso del webinar “Informing and supporting climate policy: the European Topic Centre on Climate Change impacts, vulnerability and Adaptation (ETC/CCA)”, Silvia Medri, ricercatrice CMCC (Divisione RAAS – Risk assessment and adaptation strategies) e attuale coordinatrice di ETC/CCA, ha presentato questa iniziativa europea e ne ha illustrato alcune delle principali attività, con speciale attenzione al ruolo della Fondazione CMCC.
Scendendo nel dettaglio, dopo una presentazione generale di ETC/CCA, la ricercatrice è passata a illustrare alcuni esempi chiave di attività, come la valutazione della piattaforma europea Climate-ADAPT e il lavoro su diverse valutazioni riguardanti temi importanti, come la coerenza dell’adattamento ai cambiamenti climatici con la riduzione del rischio di disastri, e l’adattamento urbano ai cambiamenti climatici.

Guarda il video:

La piattaforma europea Climate-ADAPT è il principale portale tematico europeo sull’adattamento ai cambiamenti climatici. La piattaforma, un’iniziativa della Commissione Europea e dell’AEA, fornisce informazioni sui seguenti temi: i cambiamenti climatici attesi in Europa; la vulnerabilità, attuale e futura, per le diverse regioni geografiche e i principali settori economici; le strategie di adattamento nazionali e transnazionali; i casi studio e le potenziali opzioni di adattamento; gli strumenti di supporto alla pianificazione dell’adattamento.
Per quanto riguarda Climate-ADAPT, ETC/CCA supporta la AEA nell’aggiornamento dei contenuti del portale, nel loro ulteriore sviluppo e miglioramento, e nella loro divulgazione; il centro ha inoltre contribuito in modo significativo alla valutazione del raggiungimento degli obiettivi chiave di Climate-ADAPT (i cui risultati saranno pubblicati in un rapporto EEA di prossima uscita nel 2018).
Tre le Divisioni CMCC coinvolte: RAAS (Task Manager 2011-2017 nella persona di Silvia Medri), ECIP (Task Manager 2018 nella persona di Valentina Giannini) e IAFES.
Aumentare la coerenza tra adattamento ai cambiamenti climatici e riduzione del rischio di disastri è un’altra importante tematica di cui si occupa ETC/CCA, essenziale per ridurre la vulnerabilità e aumentare la resilienza delle nostre società. 
Nel 2017 l’AEA ha pubblicato il rapporto Climate change adaptation (CCA) and disaster risk reduction (DRR) in Europe.
Nell’ambito delle attività di ETC/CCA, un ruolo significativo nella redazione del rapporto è stato svolto dai ricercatori CMCC (RAAS, REMHI e CSP), e in particolare da Jaroslav Mysiak, (Direttore della Divisione RAAS) che ne ha coordinato i contributi scientifici.

Un altro argomento fondamentale trattato dalle attività del centro è quello dell’adattamento ai cambiamenti climatici in ambito urbano. La Divisione CMCC coinvolta è ECIP (Task Manager: Margaretha Breil, ECIP Division). L’ultima pubblicazione sul tema è il rapporto ETC/CCA Social vulnerability to climate change in European cities (2018), che approfondisce i concetti di vulnerabilità sociale ai cambiamenti climatici e di adattamento socialmente equo, per fare il punto su quello che si sta facendo in Europa per affrontare tali problematiche.

SCARICA LA PRESENTAZIONE DEL WEBINAR DELLA RICERCATRICE S. MEDRI (PDF).

Per ulteriori informazioni:

Il sito ufficiale dell’AEA.

Il sito ufficiale di ETC/CCA.

Il portale Climate-ADAPT
.

Leggi anche la news “Farsi trovare pronti: adattamento ai cambiamenti climatici e riduzione del rischio da disastri ambientali. La collaborazione necessaria all’Europa e all’Italia“.

La news ” Vulnerabilità sociale ai cambiamenti climatici: le città europee si preparano ad affrontarla“.