29/01/2019
Credits: wikimediacommons

Inaugurata lo scorso 3 dicembre 2018, a pochi mesi di distanza dalla pubblicazione del Rapporto Speciale IPCC “Global warming of 1.5°C”, in molti speravano che la COP24, la conferenza sul clima di Katowize, in Polonia, rappresentasse l’opportunità per accelerare il processo di decarbonizzazione e accogliere i suggerimenti contenuti nel rapporto.

Che cosa è successo quindi nel corso delle due settimane di negoziati della conferenza delle Nazioni Unite COP24? Quali sono stati i risultati di questo incontro? Eleonora Cogo, Senior Scientific Manager della Divisione CSP – Climate Simulation and Prediction della Fondazione CMCC, ha fatto parte, insieme ai ricercatori CMCC Lucia Perugini  e Federico Brocchieri della Divisione IAFES, della delegazione italiana intervenuta ai negoziati; dalle pagine di Impactscool, racconta i risultati contrastanti raggiunti nel corso della conferenza, sottolineando anche il ruolo chiave giocato dalla ricerca scientifica.

“La nota lieta della COP24”, ha spiegato Eleonora Cogo “riguarda la definizione del cosiddetto ‘Rulebook’, il pacchetto di regole che renderà operativo l’Accordo di Parigi. Questo era l’obiettivo principale della conferenza e un risultato per nulla scontato, viste le posizioni ancora molto lontane alla vigilia del summit su temi cruciali come ad esempio quello della differenziazione tra paesi industrializzati e in via di sviluppo, oltre alle numerose complessità tecniche contenute nelle 300 pagine di testo da definire.”

“Tra i risultati più rilevanti”, ha continuato Cogo, “c’è sicuramente la definizione di regole comuni per comunicare gli impegni di riduzione delle emissioni e per contabilizzare i risultati raggiunti, questo permette sia di comparare azioni nel tempo che i contributi dei singoli paesi. Dal 2024 tutti i paesi utilizzeranno lo stesso sistema di reportistica per fornire informazioni sui propri livelli di emissioni di gas serra e il monitoraggio dell’implementazione/raggiungimento dei propri obiettivi di riduzione delle emissioni. I paesi sviluppati, inoltre, dovranno fornire anche informazioni sul supporto fornito ai paesi in via di sviluppo”.

Continua a leggere sul magazine Impactscool.

Guarda anche il video del webinar CMCC “I negoziati sul clima a Katowice: esiti della COP24”, con Eleonora Cogo, Lucia Perugini e Federico Brocchieri.

Per maggiori informazioni sui side events organizzati dalla Fondazione CMCC alla COP24, leggi qui.