Regional Models and geo-Hydrological Impacts

La divisione REMHI ha tre principali linee di ricerca: sviluppo di tecniche di tipo statistico e dinamico per la localizzazione del segnale di cambiamento climatico; 2) sviluppo di modelli di impatti per quantificare, in termini di variazione di frequenza e magnitudo, gli effetti dei cambiamenti climatici su diverse tipologie di impatti (quali frane, alluvioni, salute, infrastrutture) e infine 3) sviluppo di modelli e tecniche per collegare correttamente modelli di simulazione del clima e modelli di simulazione degli impatti. I tre pilastri delle attività di ricerca implementati dalla divisione REMHI sono: a) definire ed implementare modelli e tool sia di tipo statistico che fisicamente basati; b) fornire una stima quantitativa (non solo qualitativa) dell’evoluzione del clima e dei suoi impatti includendo la valutazione dell’incertezza; c) includere nello sviluppo dei diversi prodotti anche gli utenti finali al fine di poter garantire una completa corrispondenza tra ciò che viene realizzato dalla ricerca e i requisiti degli utenti. Queste attività di ricerca sono inoltre supportate dalla collaborazione con diverse autorità locali (agenzie per l’ambiente e Università) al fine di assicurare continui feedback sulla metodologia e sull’utilizzo dei risultati per la definizione di azioni future.

Progetti REMHI

Pubblicazioni REMHI

News

Inquinamento: le vite salvate dal lockdown in Lombardia

L’inquinamento ha subito un rallentamento durante i mesi del blocco in risposta al COVID-19, il conseguente parziale miglioramento della qualità…

Pianificazione costiera contro l’erosione: il 2 luglio l’evento finale del progetto europeo “TRITON”

Bari, 29 giugno 2020 – L’istituzione di un osservatorio pilota, indagini geotecniche, applicazioni di telerilevamento, analisi multiscenario del rischio erosivo:…

Improving coastal areas resilience and adaptation to climate change: a new trans-Adriatic collaboration is starting

AdriaClim is the acronym of the new research project funded by the Italy-Croatia Interreg Cooperation Programme that is dedicated to supporting the…

The sustainability of the sea and the environment: the Project CASCADE is starting

The kickoff meeting of CASCADE, acronym of CoAStal and marine waters integrated monitoring systems for ecosystems proteCtion AnD management, is…

Manager di Divisione

Nicola Zollo

Contatti

via Thomas Alva Edison s.n.c. 
81100 Caserta (CE), Italy

nicola.zollo@cmcc.it

Unità di Ricerca

Leader
Edoardo Bucchignani

Le principali attività di questa Unità sono basate sull’utilizzo di tool statistici e modelli climatici ad alta risoluzione (regionali) per la rappresentazione del clima attuale e atteso nel corso del XXI secolo al variare delle concentrazioni di gas serra per effetto delle attività antropiche. Per quanto riguarda le tecniche di downscaling dinamico, esse sono condotte attraverso lo sviluppo ed implementazione di configurazioni ottimizzate per tenere in conto dei differenti contesti geografici mondiali considerati. I risultati di tali modelli/tecniche sono, allo stato dell’arte, i più adatti a supportare studi di impatto e strategie di adattamento così come a dare indicazioni sull’evoluzione oltre che sugli andamenti medi anche delle caratteristiche estreme del clima; ad esempio dell’evoluzione di fenomeni quali ondate di calore ed eventi intesi di precipitazione. Le attività sono svolte principalmente attraverso la partecipazione del CMCC al consorzio europeo “CLM Community” e nell’ambito di collaborazioni scientifiche con diversi enti di ricerca, mediante progetti nazionali ed internazionali (e.g. CORDEX). Tra le più recenti attività, inoltre vi è quella collegata all’esecuzione di simulazioni ad altissima risoluzione finalizzate a produrre modelli climatici che siano in grado meglio analizzare sia le scale subgiornaliere ma anche gli effetti locali accoppiati dovuti alla presenza di aree urbanizzate.

 

Leader
Guido Rianna

Valutazione degli impatti dei cambiamenti climatici sulle disponibilità idriche e sulla magnitudo e frequenza dei fenomeni di dissesto geologico, idrologico e idraulico ad insorgenza veloce (fenomeni alluvionali, instabilità dei pendii) o lenta (siccità idrologica) in ambiente naturali o fortemente antropizzati. Analisi dell’effetto dell’ambiente costruito sulle dinamiche atmosferiche alla scala locale (isole di calore urbano). Le valutazioni qualitativa e/o quantitativa degli impatti e delle incertezze associate sono condotte tramite modelli fisicamente basati e/o strumenti statistici. Sviluppo di approcci per l’identificazione di misure di adattamento resilienti, efficienti in termini di costi, sostenibili e multifunzionali (p.e. Nature Based Solutions).

Leader
Alessandra Lucia Zollo

L’obiettivo principale di questa unità è l’implementazione di metodi e strumenti per la corretta connessione di modelli climatici e di impatto. Il principale strumento sviluppato è CLIME: un servizio climatico basato su una piattaforma interattiva di facile utilizzo. Tale software è in grado di gestire l’intera catena di produzione delle informazioni: dalla collezione/archiviazione dei dati climatici alla correzione ed elaborazione degli stessi in base alle esigenze dell’utente. Questo servizio mira a supportare una vasta gamma di utenti, esperti e non, nella gestione di molteplici tipologie di dati climatici utilizzabili in diversi studi di impatto.

Modelli REMHI

Webinar

Landslides and climate change: how to assess future impacts

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart