08/04/2015

È una storia straordinariamente grande per il giornalismo, dice il direttore del Guardian Alan Rusbridger. È una tema diabolico da comunicare, secondo Andy Revkin di Dot Earth, il blog del New York Times, tra i più seguiti al mondo in tema di giornalismo, scienza e ambiente. Il mondo dei media si confronta in maniera sempre più stringente con i cambiamenti climatici, in cerca di un modo per spiegarlo, illustrarlo, raccontarlo attraverso le sue innumerevoli sfaccettature: la questione ambientale e le possibilità economiche, i rischi per la vita umana e per la salute, la gestione del territorio, il dissesto idrogeologico, gli ostacoli e le opportunità, i rischi e i difetti, le prospettive del giornalismo che deve cercare, trovare e inventare nuove forme e nuovi metodi di indagine e di narrazione

Gli ingredienti ci sono tutti per fare dei cambiamenti climatici un laboratorio di giornalismo.

È quello che faremo a Perugia, nell’ambito del Festival Internazionale del Giornalismo: cercheremo di capire come il giornalismo sta raccontando il tema del climate change, quale ruolo occupa questo tema nei discorsi di politici e di opinion leader in Italia e nel mondo, quali ostacoli incontrano le redazioni nel raccontare il clima che cambia, come gli esperti possono contribuire a trovare nuovi e più efficaci soluzioni per raccontare le interazioni tra il clima che cambia e i nostri sistemi socio-economici, la salute umana, la sicurezza, l’alimentazione, le opportunità e i rischi.

Andremo alla scoperta di questi argomenti con James Painter, autorevole analista inglese delle pratiche giornalistiche (Reuters Institute for the Study of Journalism), Stefania De Francesco, che per l’ANSA si occupa di questioni climatiche, Antonio Navarra, scienziato e Presidente del CMCC, Carlo Carraro, economista tra i maggiori esperti di politiche climatiche e di negoziati internazionali sul clima (Università Ca’ Foscari Venezia, FEEM e CMCC).

Climate change, la sfida al giornalismo
Perugia, Hotel Brufani – Sala Raffaello
19 aprile 2015 – ore. 16.00
Ingresso libero


Vedi anche: