La struttura di ricerca del CMCC è organizzata per ottimizzare l’integrazione e la collaborazione tra le competenze interdisciplinari richieste per affrontare i temi e la ricerca scientifica delle scienze del clima.

CMCC_Scientific_Organization RV


COMITATO STRATEGICO (STRATEGIC COUNCIL)
Il Comitato Strategico ha funzione d’indirizzo strategico e supervisione. È composto dai Coordinatori Scientifici del CMCC, che hanno svolto in passato funzioni di Direttori di Divisione, ma non hanno più responsabilità operative.
[Composizione e maggiori informazioni]


LEADERSHIP GROUP
Il Leadership Group è composto dai Direttori di Divisione, che si riuniscono su base mensile per coordinare le loro attività operative. Il Gruppo nomina un Coordinatore al proprio interno e dipende dallo Strategic Council.
[Composizione e maggiori informazioni]


DIVISIONI SCIENTIFICHE
Le attività operative di ricerca del CMCC sono distribuite su 8 divisioni che condividono competenze e conoscenze nel campo delle scienze del clima.

Advanced Scientific Computing (ASC) Division
La divisione ASC svolge attività di ricerca e sviluppo nel settore della Computational Science applicate al dominio del climate change. In particolare, sono affrontate le tematiche di frontiera relative all’ottimizzazione dei modelli di simulazione numerica su strutture di calcolo emergenti e all’analisi avanzata di grandi volumi di dati, nella prospettiva dell’exascale computing. [Continua]

Climate Simulation and Prediction (CSP) Division
La Divisione CSP contribuisce allo sviluppo dei modelli climatici e del sistema Terra del CMCC e li utilizza per esplorare e migliorare la comprensione dei meccanismi che governano la variabilità del clima, la sua predicibilità e i suoi cambiamenti, per mezzo di simulazioni numeriche. [Continua]

Economic analysis of Climate Impacts and Policy (ECIP) Division
La Divisione ECIP sviluppa la parte di ricerca socio-economica del CMCC e ha l’obiettivo di tradurre in valori economici gli scenari climatici e la conseguente quantificazione degli impatti dei cambiamenti climatici, in collaborazione con le altre divisioni. La valutazione economica è poi base per disegnare le politiche più opportune sui temi della mitigazione delle emissioni e di adattamento ai cambiamenti climatici. [Continua]

Impacts on Agriculture, Forests and Ecosystem Services (IAFES) Division
Le attività della divisione si concentrano sulla diagnosi e la previsione degli impatti dei cambiamenti climatici sull’agricoltura e sugli ecosistemi terrestri, naturali e semi-naturali, e sui servizi da essi forniti, a scala da locale a globale. [Continua]

Ocean modeling and Data Assimilation (ODA) Division
La divisione ODA si concentra sullo sviluppo e sul miglioramento delle componenti del modello di Sistema Terra del CMCC con un’enfasi particolare dedicata alle componenti oceaniche fisiche e biogeochimiche. [Continua]

Ocean Predictions and Applications (OPA) Division
La Divisione OPA si occupa dello sviluppo di modelli e metodi interdisciplinari per la ricerca sulle previsioni operative marine, sulle interazioni tra la zona costiera e l’oceano aperto, dello sviluppo di applicazioni per la gestione della zona costiera e delle risorse marine, nell’ambito dei problemi di adattamento ai cambiamento climatici. [Continua]

Risk Assessment and Adaptation Strategies (RAAS) Division
La divisione Analisi di Rischio e Strategie di Adattamento (RRAS), istituita a Novembre 2014, unisce gruppi di ricerca precedentemente affiliati ad altre divisioni del CMCC, con una lunga e considerevole esperienza sull’analisi del rischio legato ai cambiamenti climatici per diversi sistemi ambientali e socio-economici e sullo sviluppo di strategie e politiche di adattamento. [Continua]

REgional Models and geo-Hydrological Impacts (REMHI) Division
Le attività principali della Divisione REMHI includono studi su: regionalizzazione del segnale climatico attraverso lo sviluppo e l’utilizzo di approcci di downscaling dinamico e statistico, ed una valutazione qualitativa e quantitativa degli effetti del cambiamento climatico e della pressione antropogenica sugli impatti geo-idrologici (come piene, magre e frane). [Continua]