Cambiamenti climatici: valutare e gestire i “rischi residuali” – Call for abstracts

Posted on

Alcuni degli impatti dei cambiamenti climatici superano la nostra capacità di gestirli con le dovute strategie. La 7a edizione del workshop INQUIMUS, con la collaborazione della Fondazione CMCC, è alla ricerca di nuove idee per valutare e affrontare quei rischi che vanno oltre le capacità di adattamento delle comunità. La call for abstracts è aperta fino al 15 maggio 2020.

Con l’accelerazione dei cambiamenti climatici, non solo la valutazione del rischio aumenta la sua complessità, ma emerge anche la necessità di affrontare i “rischi residuali” dovuti al clima che cambia, intesi come gli impatti negativi che persistono dopo l’adozione di tutte le misure di mitigazione e adattamento possibili.

La call for abstracts per la 7a edizione della serie di workshop INQUIMUS, intitolata quest’anno “Transformational risk management and Loss & Damage. What are suitable approaches for assessing climate-related (residual) risks?” intende identificare i migliori approcci per valutare i rischi residuali legati ai cambiamenti climatici per fornire informazioni affidabili, indicatori e strategie efficaci ai decisori politici.

INQUIMUS (dal latino, “noi diciamo”) è una serie di workshop mirata a creare scambi, nuove ispirazioni e dialoghi generativi integrando metodologie di valutazione qualitative e quantitative per fenomeni multi-dimensionali e complessi. Questa edizione dell’evento si terrà a Laxenburg, Austria, dall’1 al 3 dicembre 2020 ed è organizzata da IIASA – International Institute for Applied Systems Analysis, da EURAC – European Academy di Bolzano e dal Dipartimento di Geoinformatica (Z_GIS) dell’Università di Salisburgo, con il supporto della Fondazione CMCC e dell’Università Ca’Foscari Venezia.

Esperti e studiosi provenienti da diverse discipline lavoreranno insieme per comprendere quali siano le esigenze dei responsabili decisionali per valutare e gestire i rischi legati al clima che hanno la potenzialità di oltrepassare i limiti di adattamento (in gergo, “Loss and Damage – Perdite e Danni”). I partecipanti al workshop identificheranno le lacune nelle attuali metodologie di valutazione ed evidenzieranno esperienze e casi studio per identificare lo spettro di opzioni e tecniche disponibili e per comprendere come la scienza del rischio stessa debba trasformarsi.

La call for abstracts è aperta fino al 15 maggio, 2020.

Scarica la brochure dell’edizione 2020 del workshop.

Per ulteriori informazioni, visita il sito ufficiale di INQUIMUS.

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart