NEMO (Nucleus for European Modelling of the Ocean, www.nemo-ocean.eu/) rappresenta uno dei modelli più adoperati dalla comunità oceanografica europea, ed è gestito da un consorzio di istituti tra cui il CMCC. Il modello è utilizzato in una vasta gamma di applicazioni mirate allo studio dell’oceano e del clima, alle previsioni oceaniche operative, alle previsioni climatiche stagionali.
Il sistema è costituito da tre componenti principali:

  • OPA (Océan Parallélisé) per simulare la dinamica oceanica;
  • LIM (Louvain-la-Neuve Sea Ice Model) per risolvere la termodinamica e la dinamica del ghiaccio marino;
  • TOP (Tracer in the Ocean Paradigm) per simulare la biogeochimica.

NEMO include anche il software AGRIF per gestire il mesh refinement e componenti per l’assimilazione di dati (TAM: tangent linear and adjoint models; OBS: observational operator; ASM: application of the analysis increment).
NEMO può essere accoppiato ad altre componenti numeriche, ad esempio modelli atmosferici o modelli alternativi del ghiaccio marino e della biogeochimica, per costituire i modelli dei sistema terrestre. Ogni componente di NEMO è inserita in un environment che include configurazioni di referenza, strumenti per il pre- e post-processing, interfacce di accoppiamento con le altre componenti del sistema numerico e la relativa documentazione.
NEMO è disponibile come codice sorgente con licenza libera.

Il sistema NEMO è in continua evoluzione attraverso lo sviluppo delle componenti già esistenti, l’aggiunta di nuovi elementi accoppiati ad OPA e lo sviluppo dell’environment associato. Il piano di lavoro è annualmente elaborato e concordato dai membri del consorzio NEMO.
Lo studio dell’oceano e del clima al CMCC è tutto basato sul modello numerico di circolazione generale OPA, un modello a differenze finite delle equazioni primitive, con equazione di stato non lineare e superficie libera. OPA descrive la distribuzione delle variabili su una griglia tridimensionale di tipo Arakawa C. Le variabili prognostiche (direttamente risolte dalle equazioni del modello) sono la temperatura, la salinità, l’altezza della superficie del mare e i campi di velocità 3D.

Riferimenti bibliografici:

  • Madec, G. and the NEMO team, 2012: “NEMO ocean engine”. Note du Pole de modélisation de l’Institut Pierre-Simon Laplace, France, No 27 ISSN No 1288-1619.
  • RP0247 – GLOB16, the CMCC global mesoscale-eddying ocean

 

Research Papers Contatti

Dorotea Iovino